Come Funzionano le Dittature Moderne
(e come le Ho Scoperte!)
I Miei Persecutori e i Loro Alleati

Precedente

Indice

Successivo

Esistono registrazioni audio che dimostrano un’associazione per delinquere a mio danno e che il vicino di casa produce una farsa per ledermi. Per ottenere ciò ha sicuramente testimoniato il falso e prodotto documenti mendaci alle Autorità, per procedere nella sua denuncia contro di me, sempre sotto il condizionamento di persone esterne interessate a farmi passare per pazzo.
Esistono parecchie registrazioni in merito, noiosissime, quindi né presenteremo poche e indicative.
In breve la loro intenzione è dimostrare che sono turbato dai suoni, la menzogna è facilmente dimostrabile dal mio comportamento contradditorio con il loro asserire e dal tipo di rappresaglia da me adottata contro di loro, riducendo in questo modo l’aggressione delle armi a trasmissione diretta dell’energia, che è il produrre rumori o musica anche nel cuore della notte a notevole volume.
In una condizione normale tutto ciò sarebbe impossibile, però dovendo dimostrare l’inverso il nemico subisce silenzioso il mio attacco, infatti, nessuno si è mai lamentato né di persona né attraverso le Autorità.
Essendo sostanzialmente un avversario stupido è stato sufficiente accontentarlo nella prima fase. Loro, da veri idioti, hanno ufficializzato il tutto con una denuncia e producendo documenti ufficiali in tal senso con l’avvallo delle colluse autorità sanitarie.
Nella prima fase avendo prodotto una farsa che gli accontentava le loro menzogne, per costringerli a ufficializzare il falso, con il fine di invertire il comportamento dal momento più opportuno, ora, io posso fare tutto il frastuono che desidero sia di giorno sia di notte e senza che nessuno possa lamentarsi.
Per far cessare la rappresaglia, loro dovrebbero informare le Autorità e quindi confessare i loro squallidi reati, cosa che non avverrà: però sino a che non confesseranno le loro colpe la rappresaglia non può e non deve cessare mai!
Il sistema palese adottato, forse hanno provato con sistemi diversi in precedenza ma non me ne sono accorto, è stato di corrompere il mio vicino di casa, che avendo il bagno adiacente, l’hanno convinto a seguirmi quando mi recavo alla ritirata e cominciare a aprire la rubinetteria. Io inizialmente non mi rendevo conto, pensando a semplici coincidenze, poi il ripetersi costante dell’evento, fa nascere in me l’idea che il vicino è una sorta di lurido maniaco che ama origliare le persone defecare, piacere partorito nella sua mente malata, questo bizzarro divertimento.
Nasce un litigio sempre più aspro, che esordisce nella sua denuncia, che produce per me un vantaggio, che si realizza in uno stallo tattico, che è determinato con la rappresaglia sopra indicata.
L’altro errore sequenziale è che in questi casi, intervengono le autorità sanitarie, quindi essendo ufficialmente sotto cura(?), non posso più farmi nulla, anzi il bordello che faccio al massimo indica che le cure(?) funzionano!
Dopo un attacco massiccio con armi raggianti sono andato all’ospedale Martini per verificare eventuali danni, i sanitari collusi mi hanno messo in psichiatria, indebolendo la loro posizione poiché la richiesta di soccorso non è attinente alla cura, palesando che loro sono corrotti, (vedere il capitolo Il Sospetto di Avere Subito un Intervento Illecito alla Testa con l’Impianto di un Microchip).
Non è tutto, dalla cartella clinica si scopre la bassa menzogna che io avevo chiesto un aiuto psichiatrico a un centro di salute mentale, ponendomi così ufficialmente più al riparo, infatti, collaborando, non sono più sensibile a uno intervengono coatto.


In questo file audio (ISTIGAZIONE1_07052008_2225) si sente il modo di operare. Recandomi in bagno, vicino inizia aprire il suo sciacquone che dal suono, si capisce che la valvola è poco aperta, quindi è ovvio che non sia usata per la sua funzione ma per i motivi già detti. È interessante in questa registrazione, che il vicino in associazione per delinquere con la gang stalker, risponde alle mie istigazioni continuando nei suoi propositi, vanificando ogni dubbio sul fatto.

In questo file audio (CONFESSIONE_08052008_2219) si sente immediatamente la moglie, con una voce quasi disperata, che prega il marito di desistere dalle sue folli azioni, poiché si era accorta probabilmente che stavo registrando, urlandole “vai via di lì …” e chiamandolo per nome, la particolarità, è che la voce sfuma, come se terze persone la allontanassero contro la sua volontà! È quindi palese la volontà di agire per importunare in un disegno per farmi passare per pazzo.

In questo file audio (ISTIGAZIONE2_08052008_2221) è stato registrato subito dopo il precedente e il vicino cade, stupidamente, anche qui nella trappola di reagire nel solito modo alle mie provocazioni, nonostante le preghiere della moglie.


Non sono stati prodotti dei video audio, perché loro potendo manipolare i computer, hanno inabilitato il codec e quindi i video prodotti risultavano muti.
Cambiando, tempo dopo il sistema operativo, da Windows Vista a Windows 7, l’audio dei video non è più inabile quindi posso mostrare con più concretezza quello che asseriamo, infatti, il vicino non ha mai smesso la sua attività di falso maniaco, costretto a questa azione dai persecutori, per produrre un falso quadro di una turbe mentale inesistente anche con l’appoggio di qualche medico corrotto.
Nel video 25012010, si ode (da 00, 05 a 00, 25) un impercettibile sibilo (mettere l’equalizzatore di windows media player, tutto al massimo, se non si sente), che sono i rubinetti del vicino, sicuramente accomodati per produrre questo sibilo originale, che ha lo stesso timbro delle registrazioni audio e anche nel video 27022010 più chiaramente (da subito sino 00,26).
In questo video 25012010 (2) ci sono io che mi lavo i denti, alla fine la macchina è appoggiata al muro (da 01, 42 a 02, 26), vicino al rubinetto della vasca, dove si ode lo stesso sibilo quasi impercettibile (mettere l’equalizzatore di windows media player, tutto al massimo, se non si sente). È evidente che non si fa un uso dell’acqua a fini di utilità, ma solo per produrre un fastidio per i motivi noti.
È importante notare che il sibilo è simile nei due differenti punti, cosa impossibile su due rubinetterie diverse, (condizione già notata in precedenza e non dimostrabile con degli audio) che avendo diametri non uguali, non può produrre la stessa tonalità, questo dimostra, che in realtà i persecutori stanno usando una registrazione, mettendo il riproduttore vicino ai rubinetti per simulare un loro uso.
È una mossa astuta, infatti, così, le registrazioni sonore in un eventuale raffronto, non corrisponderebbe alla timbrica del rubinetto reale, al fine di dimostrare che sento rumori inesistenti e grazie a questo video si avrebbe invece la prova di una truffa a mio danno e verso le Autorità Sanitarie e Giuridiche.


Questi sono altri video che provano, girati con il mio cellulare, che è questo il modo di agire dei persecutori. L’autrice, in questo caso, è l’inquilina del piano di sotto, che sempre per produrre rumori di disturbo, si doveva prendere la briga di salire su una scala e accendere il proprio cellulare dove io avevo la radio. Io per poterla incastrare lasciavo la radio su una stazione vuota, questa non emettendo nessun suono non era localizzabile a udito, rendendo più evidente anche che lei ha un sistema radar per vedere attraverso i muri o è collegata al probabile microchip, che consente di vedere attraverso i miei occhi. Era semplice produrre la trappola poiché faceva quest’azione sempre quando rientravo dal lavoro, quindi lei stava in casa, come una pazza, ad aspettarmi per fare questa sciocchezza!

VIDEO 1
VIDEO 2
VIDEO 3

In questo file audio (MISTER_X_120108_2108) si sente la voce di un soggetto maschile, che ritroveremo nel file successivo e svela un collegamento, con il più probabile mandante della persecuzione. È certamente il personaggio di collegamento e che può indicare chi sono i mandati, assoldato da loro per generare la persecuzione, anche perché la sua voce l’ho udita in diversi frangenti, sempre nell’organizzare rumoreggiamenti assurdi al fine di farmi passare per pazzo, poi improvvisamente scomparso, più probabilmente licenziato poiché nulla ha ottenuto, dato che il metodo è ovviamente soltanto un’idiozia, partorita da una mente stupida.
In questa registrazione come la seguente, c’è un’adunanza di persone che giubilano contro di me, provando l’esistenza di un’associazione di persecutori, sicuramente plagiata da persone più importanti di cui mister x è l’esecutore materiale.
Per fare la registrazione simulo di dormire; poiché è in questi frangenti che il vicino si fa più attivo, la cosa interessante è la captazione di un bel discorso rilevatore.
La macchina registrante era appesa alla valvola dello sciacquone.
La registrazione è confusa dal rumore di fondo, però equalizzando e amplificando si odono pezzi interessanti, purtroppo frammentario e i pezzi sono lontani tra loro.

Parlano ma solo lontani, mister x sta parlando concitatamente.
Lei 1: eccomi qua.
Mister x: quando … dorme
Lei 1: allora io vado la a battere …
Mister x: Non battere, non fate … non serve, non credere, non fate.
Mister x: e allora vi dico come devi fa.
Mister x: Io amico.
Lei 1: amico.
Mister x: consiglio … quando lui mette la musica al mattino … alla mattina … andare al mattino … non può rompere … al mattino … quando lui … tu devi dargli dell’impazzito, è un truffa …. che è impazzito, capito im-pa-zzi-to, … domani mattina si fa al … è matto, matto … sei vai dire una cosa del genere lo chiudono per un po’
Lei 2: A chi dobbiamo dire una cosa del genere?
Mister x poi parla a un gruppo di persone.
Mister x: ricordarvi veramente a tutti voi … e prepararvi alla vittoria … prepariamo un grande, grandissimo straordinario a tutti quanti voi!
Si sentono rumoreggiare un gruppo di persone e un plauso finale.

Come si può vedere nell’immagine il temporaneo sabotaggio a danni del traduttore nella parte riguardante il mister x, mentre preparavo questo sito. Questa è una successiva prova della natura criminale del mister x e dei suoi complici, infatti, per un temporaneo cattivo funzionamento del mio computer, si è visualizzato e così io ho scoperto che quest’associazione criminale è riuscita a creare un account invisibile e così gestire il mio computer, creando danni temporanei o permanenti, attraverso un controllo remoto. È evidente che il criminale è ospitato in una delle abitazioni adiacenti alla mia!

Questo file audio DIALOGO_RIVELATORE_260108_1023 è una registrazione, che in modo inconfutabile è in essere un’associazione, composta, sicuramente attraverso un plagio a loro danno, da inquilini del mio stesso stabile, con il mister X, che si sente nella registrazione precedente consigliare il mio vicino di casa, che si pone come aiutante. È evidente il raggiro, la stupidità e la ignoranza dei miei vicini. La soddisfazione delle loro presunte lamentele è facilmente risolvibile, semplicemente con il dialogo, quindi facendomi presente un loro disappunto e se questo non fosse servito, bastava segnalare la cosa alla polizia municipale. Le loro scelte sono da subito anomale in funzione delle loro lamentele, poiché consigliate da un mister X, rendendo evidente che i vicini ignoranti sono stati plagiati, sfruttando le loro lamentele come scuse per celare un piano per alienare le libertà fondamentali, come quella di espressione, eccetera. È da aggiungere, che l’aggressione sonora era già in atto, infatti, gli stalker, con queste armi a trasmissione diretta, producevano frastuoni a ogni ora della notte colpendo la ringhiera del balcone, che è unica per tutta la casa. Allora non avevo capito la dimensione del problema, comunque avevo già attuato provvedimenti di persona per far cessare l’aggressione, causandone la cessazione.
La registrazione non è chiara, anche per il linguaggio abnorme dei partecipanti. Amplificando ed equalizzando la traccia, Il dialogo registrato diventa più percepibile e lo riportiamo in calce.

Interpreti: Mister X e vicinato.
Uomo 1: guarda che uno anche al mattino vuol dormire non può.
Non Identificato Uomo. A noi non ce la fa in testa.
Uomo 1: tu sei … come fai a resistere?
Non Identificato Donna: da vero
Non Identificato Uomo: fa una telefonata ai …
Donna 1: a che ora è, mattina che la butta la ra … che ora è?
Non Identificato Uomo: che né so’
Donna 1: ma va anche a lavorà?
Non Identificato Uomo: no, una bea.
Uomo 1: si sveglia … ha problemi che …
Coro: a no è.
Uomo 1: guardi che non vanno mai a dormire.
Mister X: che fa casino
Non Identificato Uomo: quante né fa.
Non Identificato Donna: non è vero, che né fa.
Mister X: anche se fa né fa un tanto al giorno; Gilda, Gilda intende quel che fo?
Donna 1: si in galera, quando lo vuoi mandare?
Mister X: (forse) prima della, prima della …
Donna 1: (forse) dei santi.
Mister X: ed io chiamo il caro Joe Gio
Donna 1: chiama il Joe Gio
Coro: uno …
Mister X: ci vediamo
Donna 1: è il curate (curato)
Non Identificato Donna: ma chi è?
Non Identificato Uomo: l’aiutante del Papa.
Mister X: ma è un prete, l’aiutante di Italo.
Donna 1: ma chi è, haaa!
Mister X: lavora sempre per noi.
Donna 1: con te!
Mister X: per il Pontefice,
Donna 1: va bene ok.
Mister X: (più probabilmente il cognome) Arignao
Donna 1: l’aiutante del Papa adesso.
Non Identificato Donna: ma chi?
Donna 2: ciao
Non Identificato Uomo: l’aiutante del Papa abbiamo adesso!


È dalle informazioni che loro forniscono, che il clero sono i mandanti nella persecuzione, che furbescamente qui si offrono come benefico aiuto, confermando la mia testimonianza, anteriore a questo evento, che i primi inseguitori vedevano presenti esponenti del clero: preti e suore.
Il raggiro è ovvio! Nessuna persona con impegni così importanti, sarebbe disturbata o s’interesserebbe di banali incomprensioni di vicinato, tanto meno sarebbero messe in opera armi speciali, pedinamenti, falsi in atti d’ufficio come nella cartella clinica in me in possesso, eccetera.
È una conseguenza logica del mio libro sulla metafisica, che per ignoranza teologica e politica, solo grazie alla bramosia di potere di questa chiesa(?), che è per tutti un pericolo reale. È una successiva conferma del mantenimento dispotico, dittatoriale di questa chiesa e della sua linea politica, confermata molteplici volte dalla storia. È già dalla loro apparizione una condizione troppo evidente, infatti, se sono riusciti a farsi perseguitare in epoca romana, quando esisteva il politeismo, in un’epoca con la massima tolleranza religiosa nella storia dell’umanità, è palese che il loro interesse non abbia nulla a che fare con la religione e con Cristo, bensì è per loro prioritario il potere e il dio denaro, che nell’antica Roma abbondava e che non era disposta a spartire con questa setta di atei fanatici, che usano Gesù e la religione pretesto e scudo: come questa testimonianza registrata di nuovo conferma.

Precedente

Indice

Successivo