riceviamo e volentieri pubblichiamo

contro il controllo BIOPOLITICO dei corpi e delle menti ...
----- Original Message -----
From: "slai cobas palermo" <cobas_slai_palermo@libero.it>
Sent: Sunday, September 13, 2009 10:28 AM
Subject: [Redditolavoro] LA REPRESSIONE SI COMBATTE CON LA LOTTA


Riceviamo e rigiriamo il volantino distribuito ieri pomeriggio a Palermo dal
"Coordinamento contro la repressione e per i diritti" alla manifestazione
contro lo sgombero del centro sociale ex Karcere.

*****

LA REPRESSIONE SI COMBATTE CON LA LOTTA

Il "Coordinamento contro la repressione e per i diritti" dà la massima
solidarietà ai compagni e alle compagne del C.S.O.A. ExKarcere, sgomberati
tre settimane fa dalle forze del disordine organizzato.

Questo è stato soltanto l'ultimo di una serie di atti repressivi che sta
falcidiando la nostra città e che mette a serio repentaglio l'agibilità
politica e sociale che vi si sviluppa.

L'attacco agli spazi sociali è soltanto uno dei tanti aspetti che
caratterizzano la repressione sia a livello locale che nazionale. Per quanto
riguarda la nostra città, l'attacco è sfrontato: si va dallo sgombero
dell'ExKarcere a quello imminente del Laboratorio Zeta; dalle ordinanze di
sgombero delle famiglie che occupano Casa Guzzetta alla campagna
persecutoria contro i rottamai; senza dimenticare l'attacco ai senzatetto
riportato recentemente in voga dal sindaco Cammarata che, "per salvaguardare
il decoro della città", metterà su una vera e propria campagna vessatoria
nei confronti di queste persone.
A tutto questo si aggiungono le persecuzioni ai danni degli immigrati
(retate contro i lavavetri e contro i venditori ambulanti) e quelle ai danni
dei singoli militanti politici e sindacali (il caso delle denunce ai
militanti dei Cobas e l'avviso orale a Pietro   Milazzo

Tutto questo è frutto del progressivo processo di fascistizzazione della
società che, attraverso l'approvazione del "pacchetto sicurezza"(ormai
"legge sulla sicurezza"), è passato dalla fase normalizzatrice a quella di
un chiaro e sfrontato tentativo di controllo biopolitico dei corpi e delle
menti. E a Palermo il questore, il prefetto e il sindaco hanno ricevuto alla
lettera questa linea e la applicano con solerzia.

Il "Coordinamento contro la repressione e per i diritti" si propone come
strumento di lotta concreto contro questi atti repressivi che vengono
compiuti quotidianamente nella nostra città, e propone una piattaforma
chiara ed immediata per una lotta unitaria e condivisa.

La lotta alla repressione, infatti, non è una lotta che si può praticare
solo attraverso manifestazioni che a volte rischiano di diventare iniziative
fine a se stesse, ma attraverso una progettualità a lungo termine che provi
a contrastare efficacemente e con lucidità politica la devastata situazione
dell'odierna società italiana.

CONTRO TUTTI GLI SGOMBERI
CONTRO QUALSIASI FORMA DI REPRESSIONE
PER LA LIBERTÀ DI TUTTI E TUTTE


COORDINAMENTO CONTRO LA REPRESSIONE E PER I DIRITTI
Palermo

norepressione@gmail.com