Sempre piu’ spesso negli ultimi mesi i torturatori di Paolo Dorigo esprimono concezioni e fraseologie, contenuti e illazioni, del tutto infime come livello e del tutto assimilabili alla subcultura leghista.

Non sara- per caso dipendente questa circostanza dal fatto che al Ministero degli interni adesso c’e’ un secessionista ?